Aiuti per i genitori che lavorano

donna con bambina in braccio

Congedo parentale

Il congedo parentale è l’assenza giustificata dal lavoro per i genitori che devono prendersi cura dei figli che sono a casa da scuola.
Con la nuova legge il Governo ha ora aumentato i giorni di congedo parentale. Ora ci sono da 30 giorni a disposizione. Questi giorni possono essere usati dal 5 marzo 2020 al 31 luglio 2020.
I giorni di congedo possono essere presi da un genitore o entrambi. In questo caso, i giorni a disposizione sono comunque 30 da essere divisi tra i due genitori.

Durante i giorni di congedo:

  • i genitori con figli con meno di 12 anni saranno pagati al 50%
  • i genitori con figli di età compresa tra 12 e 16 anni non saranno pagati

Chi può richiedere il congedo?

  • lavoratori dipendenti del settore pubblico
  • lavoratori autonomi iscritti all’INPS
  • lavoratori dipendenti del settore privato
  • lavoratori iscritti alla Gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335

Per avere il congedo, si devono rispettare queste tre regole:

  • l’altro genitore non deve ricevere nessun sostegno al reddito (ad esempio il reddito di cittadinanza)
  • l’altro genitore sia un lavoratore (cioè non sia disoccupato o non lavoratore)
  • la famiglia non benefici già del bonus baby-sitting

Se rientri in queste categorie puoi fare domanda per il congedo parentale sul sito dell’INPS. Per accedere al servizio hai bisogno di un PIN, che puoi richiedere su questa pagina.

Bonus baby sitting

Se non hai la possibilità di usare il congedo parentale, puoi fare domanda per avere il buono baby sitting. Lo scopo del bonus e quello di dare un aiuto alle famiglie per pagare una baby sitter che si occupi dei figli fino al loro ritorno dal lavoro.

Con questa nuova legge il Governo ha aumentato il bonus a 1200 euro per famiglia e non cambia in base al numero dei figli.

Questo bonus può anche essere usato per pagare le scuole e i centri estivi per i bambini.

I lavoratori che possono fare richiesta per il bonus sono:

  • Lavoratori dipendenti del settore privato
  • Iscritti in via esclusiva alla Gestione separata
  • Lavoratori autonomi iscritti all’INPS
  • Lavoratori autonomi iscritti alle casse professionali

Puoi fare domanda per il bonus sul sito dell’INPS. Per accedere al servizio hai bisogno di un PIN, che puoi richiedere su questa pagina.

Se hai delle domande su questo tema puoi seguire la pagina Facebook Refugee.info e contattarli su Messenger.

Ti possono anche interessare:

Nuovi aiuti economici per aiutare le persone in difficoltà (Maggio 2020)

Con la nuova legge, Decreto Rilancio, il Governo ha appena approvato nuovi aiuti per aiutare le persone, le famiglie e le imprese con problemi economici.
Visita questa pagina per scoprire quali sono questi aiuti e chi può richiederli.

Aiuto economico per lavoratori domestici

L’aiuto economico per i lavoratori domestici è un’altra misura speciale appena approvata dal Governo. Questo aiuto è per le persone che svolgono lavoro domestico che al 23 febbraio 2020 avevano uno o più contratti di almeno 10 ore.
Visita questa pagina per scoprire chi può chiedere questo bonus e come.