Come trovare un alloggio in affitto in Italia

Dove abitiamo è importante. Tutti vogliono sentirsi protetti e al sicuro a casa. Se sei appena arrivato in Italia, stai probabilmente cercando un posto dove vivere in affitto. Trovare un buon posto dove abitare può essere difficile. Non mollare! Ecco alcune informazioni per trovare un alloggio in Italia.


Uomo al computer

Prima di iniziare

Prima di iniziare a cercare una casa o un appartamento in affitto, pensa a tre cose:

• Quanti soldi
Quanti soldi puoi spendere per un posto in affitto? Pensa prima a quanti soldi puoi permetterti di spendere ogni mese. Una buona regola è: cerca di non spendere più di un terzo dei tuoi guadagni in affitto. Se l’affitto è più di un terzo di quanto tu e la tua famiglia guadagnate, può essere difficile riuscire a pagare tutte le tue spese

• Quanto grande
Quante stanze servono a te e alla tua famiglia?

• Dove
In quali zone della tua regione è meglio abitare? Per esempio, è vicino al tuo lavoro? C’è una scuola nella zona? Ci sono buoni mezzi di trasporto pubblici?

Dopo aver pensato a queste cose, sei pronto per iniziare a cercare. Potresti non trovare o essere in grado di pagare quello che vuoi. Potrebbe essere necessario fare delle scelte su ciò che è più importante per te e la tua famiglia.

Affittare o comprare?

Ci sono due modi in cui puoi avere una posto dove vivere: puoi affittare o puoi comprare.

• Affittare una stanza o una casa significa che abiti in una casa che non è tua. Avrai il diritto di abitarci per un periodo di tempo limitato firmando un contratto e pagando regolarmente ogni mese.

• Comprare un appartamento o una casa significa che pagherai molti soldi e poi sarai proprietario della casa. Per molte persone ci vuole tanto tempo per fare questo.

Importante: discriminazione significa un comportamento ingiusto verso qualcuno per la sua cultura, nazionalità, genere o colore della pelle. La discriminazione è contro la legge in Italia. Per esempio, se un proprietario di casa non ti dà la casa in affitto perché sei straniero, questa è discriminazione ed è illegale.

Stanza in affitto in una casa condivisa

Puoi affittare una stanza in una casa dove vivono altre persone. Questo significa che dividerai spazi comuni, come la cucina e il salotto e forse il bagno. Dividerai anche le spese, per esempio le bollette. In Italia, le persone che vivono nella stessa casa ma non fanno parte della stessa famiglia sono chiamate coinquilini. Molti studenti e lavoratori decidono di vivere in una stanza in affitto perché costa molto meno che affittare una casa o un appartamento interi. È anche un modo per conoscere persone nuove e non sentirsi soli.  

Troverai stanze da affittare in internet. Ci sono molti siti dove puoi cercare stanze nella tua città, per esempio: Easystanza, Idealista e Immobiliare.it

A volte il modo migliore per trovare una stanza è attraverso persone che conosci. Potresti incontrare qualcuno che sta cercando coinquilini, o qualcuno che che si sta trasferendo e lasciando una stanza in una casa condivisa. Di’ alle persone che stai cercando un posto dove vivere in caso sappiano di qualche stanza libera.

Affittare una casa o un appartamento

Puoi affittare una casa o un appartamento interi. Sicuramente una casa in affitto costerà di più di una stanza in affitto, ma avrai più spazio per te e per la tua famiglia.

Puoi trovare case e appartamenti in affitto sui siti Idealista, Casa.it e Immobiliare.it.

Ci sono anche le agenzie immobiliari che offrono case in affitto, ma devi pagare di più.

Cos’è un contratto d’affitto (o contratto di locazione)?

Il contratto di affitto è un accordo scritto tra te e il proprietario. Firmi un contratto d’affitto quando prendi in affitto una casa, un appartamento o una stanza. Nel contratto di affitto, tu ti impegni a pagare l’affitto (e in alcuni casi le bollette) in tempo ogni mese. Il proprietario si impegna a darti il posto in buone condizioni, cioè che le cose non sono rotte ed è pulito.

Prima di firmare il contratto, assicurati di guardare la stanza o la casa con il proprietario. Se ci sono cose rotte, o se il posto è sporco, chiedi al proprietario di scrivere note specifiche su questo nel contratto di affitto. In questo modo il proprietario non può darti la colpa per il danno o lo sporco.

Quando ti trasferisci in una stanza o in una casa, il proprietario ti chiederà di pagare una somma di denaro chiamata deposito. Questo denaro è tenuto dal proprietario per tutto il tempo del contratto di affitto. Entro la fine di questo periodo, se hai pagato l’affitto ogni mese e la stanza o la casa sono in buone condizioni, il proprietario ti restituirà i soldi del deposito. Se non hai pagato ogni mese o se hai danneggiato la proprietà, terrà parte o tutti i soldi per coprire il danno.

I contratti di affitto sono per un certo periodo, con una data di inizio e una data di fine. La maggior parte dei contratti di locazione per le camere è di sei mesi. A volte, il proprietario ti lascia affittare una stanza per meno tempo. Per gli appartamenti e le case, i contratti sono solitamente da uno a tre anni.

Dare preavviso

Cosa succede quando vuoi andartene o quando il proprietario vuole che tu te ne vada? Dare preavviso significa dire all’altra persona che vuoi finire il contratto di affitto. La maggior parte dei proprietari vorranno che tu dia loro alcune settimane di preavviso prima di chiudere il contratto di affitto. Dovranno darti lo stesso tempo di preavviso se vogliono che tu te ne vada. Leggi attentamente la parte del contratto che parla di questo. Assicurati di aver capito quanto tempo di preavviso devi dare al proprietario e quanto tempo di preavviso il proprietario deve dare a te. Quindi assicurati di rispettare l’accordo.

Bollette

Quando affitti una casa, di solito devi pagare il costo di servizi come acqua, elettricità, gas, telefono ecc. Riceverai una bolletta per posta, che ti dirà quanti soldi devi pagare. Devi pagare le bollette entro un tempo prestabilito. Puoi pagare la maggior parte delle bollette su internet o in un ufficio postale, utilizzando il bollettino che hai ricevuto per posta.

Alloggi pubblici (Edilizia Residenziale Pubblica)

Gli alloggi pubblici sono di proprietà del governo. Sono per le persone che non possono permettersi di affittare o comprare una casa. C’è un affitto da pagare, ma il costo è molto basso.

I cittadini e i residenti italiani con un reddito basso possono fare domanda per l’alloggio pubblico. I residenti stranieri che vogliono fare domanda devono avere un permesso di soggiorno valido per almeno due anni e la prova di un lavoro. Le persone con lo status di rifugiato non hanno bisogno di avere un lavoro per poter fare domanda. Molte persone fanno domanda, quindi può essere difficile ottenere un alloggio pubblico.

Puoi fare domanda solo quando il tuo comune locale fa un bando pubblico. Dovresti controllare regolarmente con il tuo Comune per sapere quando ci sarà un bando.

Quando esce il bando, devi compilare un modulo e inviarlo all’ufficio di edilizia pubblica. Per ottenere le informazioni di cui hai bisogno e per sapere come compilare il modulo, puoi fissare un appuntamento con l’ufficio di edilizia residenziale pubblica del tuo Comune.

Per trovare l’indirizzo del tuo Comune, digita queste parole: “Indirizzo Comune di [nome della città / paese]”

Comprare una proprietà

Puoi comprare una casa o un appartamento. Il prezzo delle case in Italia varia molto. Dipende dalle dimensioni della casa, dov’è, e in che condizioni si trova.

Comprare una casa può essere molto costoso. Non molte persone hanno abbastanza soldi per comprare una casa. Invece, risparmiano denaro per effettuare un pagamento di grandi dimensioni. Poi prendono in prestito il resto dei soldi da una banca. Ma prima che la banca ti conceda un prestito per una casa (chiamato mutuo) devi dimostrare che puoi ripagare una somma di denaro ogni mese per molti anni. Hai anche bisogno di un permesso di soggiorno.

Trovare più informazioni sui mutui per residenti stranieri.

Se sei un richiedente asilo o hai la protezione internazionale

Urgente necessità di un rifugio

Se hai urgentemente bisogno di un posto dove dormire, puoi cercare i centri di accoglienza nella tua città.

Oppure chiama 800 800 570, un servizio di assistenza telefonica per richiedenti asilo e rifugiati

Aiuto per trovare un posto dove stare nella tua città

Se hai bisogno di aiuto per trovare un posto dove stare, chiedi informazioni e supporto alle organizzazioni che aiutano i migranti nella tua città. Puoi telefonare o andare in ufficio.

Stare in un centro SIPROMI

La rete SPRAR offre protezione e accoglienza ai titolari di protezione internazionale e ai minori non accompagnati. La rete SIPROIMI offre alloggio, corsi di formazione e altri servizi agli immigrati che hanno bisogno di aiuto e che non hanno i soldi per pagare l’affitto.

Tuttavia, essere accettati in una dei centri SIPROIMI è difficile per due motivi:

1) Ci sono meno posti disponibili nei centri SIPROIMI rispetto alle richieste

2) La domanda per ottenere un posto deve provenire dalla Prefettura dopo aver esaminato il caso. Non è possibile fare domanda da soli.

Accesso all’alloggio

Se hai lo status di rifugiato o la protezione sussidiaria, hai il diritto di richiedere un alloggio pubblico. Vedi “Alloggi pubblici” sopra per informazioni su come richiedere l’alloggio pubblico e come trovare il proprio ufficio di edilizia pubblica.